Home
»
Sentieri
»
Riserva dello Zingaro - Sentiero costiero dall'ingresso lato Scopello all'ingresso lato San Vito Lo Capo

SENTIERI




RISERVA DELLO ZINGARO

Ingresso lato Scopello - Cala del Varo - Grotta dell'Uzzo -
Cala Tonnarella dell'Uzzo - ingresso lato San Vito Lo Capo

© Testo e foto: Vincenzo Anselmo




« pagina 1 / 4 »

INFO SENTIERO

Punto di partenza: ingresso lato Scopello
Lunghezza: circa 6,2 km (solo andata)
Tempo stimato: circa 2,15 ore (solo
andata escluso le soste)
Quota di partenza: 78 metri slm
Quota massima: 110 metri slm
Quota di arrivo meta: 55 metri slm
Difficoltà: E (escursionistico)
Segnavia: cartelli in legno
La Sicilia, ormai è ben noto, regala al camminatore e al viaggiatore in genere paesaggi sempre nuovi e a volte contrastanti tra loro. Tra questi ce n'è uno particolarmente affascinante perché formato da due elementi che generalmente collochiamo, nel nostro immaginario, in posti lontani tra loro: il mare e la montagna.
Diversi sono i tratti della costa siciliana dove montagne e mare si incontrano e si fondono formando un unico paesaggio. Tra tutti, però, un sentiero che ci permette di apprezzare più di ogni altro questo felice incontro, perché attraversa un ambiente rimasto integro, è quello che si snoda tra Scopello e San Vito Lo Capo, in un territorio oggi tutelato dalla Riserva naturale orientata dello Zingaro, riserva modello gestita dall'Azienda Foreste Demaniali della Regione Sicilia.
L'ingresso della riserva lato sud si trova qualche chilometro
dopo la Tonnara di Scopello, interessante struttura magnificamente inserita in un'insenatura che già da sola merita un viaggio.
Lasciata la macchina in un ampio posteggio, dove si trova il punto accoglienza e la biglietteria per l'ingresso alla riserva, e dopo aver controllato se si è messa nello zaino la crema protettiva e l'acqua, si imbocca il tracciato di quella che stava per diventare, negli anni Settanta, una strada litoranea. Abbandonato subito sulla destra il sentiero che scende verso l'area attrezzata, si entra in una breve galleria scavata nella viva roccia dove a catturare l'attenzione è il volo frenetico di centinaia di rondoni e il cinguettio di numerosi passeriformi.
Usciti dalla galleria, si inizia a camminare su un agevole sentiero che si snoda, fino all'ingresso lato San Vito Lo Capo, per lo più con lievi saliscendi. Subito dopo si lascia sulla destra un ulteriore innesto del sentiero che scende verso l'area attrezzata e si procede seguendo l'indicazione Capreria.



LINK SPONSORIZZATI

Riserva dello Zingaro: caletta lungo il sentiero costiero



LINK CONSIGLIATI